Intelligenza ArtificialeRicerche

La formazione della forza lavoro AI di domani.

4 minuti di lettura

Il potenziale latente delle comunità e degli istituti tecnici, di Diana Gehlhaus Luke Koslosky, CSET, aprile 2022 

Le comunità e le scuole tecniche offrono un enorme potenziale per far crescere, sostenere e diversificare il gruppo di talenti dell’intelligenza artificiale (AI) degli Stati Uniti. Tuttavia, queste istituzioni non vengono sfruttate in modo efficace. Questo rapporto valuta gli attuali programmi relativi all’IA e il relativo numero di laureati. Gli autori scoprono che oggi vengono assegnati pochi diplomi e certificati relativi all’IA. Propongono cinque raccomandazioni per affrontare le sfide esistenti e sfruttare il potenziale di queste istituzioni per formare la forza lavoro AI di domani.

Sintesi

È un imperativo di sicurezza nazionale far crescere, sostenere e diversificare la formazione di talenti dell’intelligenza artificiale (AI) degli Stati Uniti. Ma fino ad oggi, l’attenzione predominante dei responsabili politici e dell’industria statunitensi continua a essere sulle lauree quadriennali. Un focus così ristretto sta lasciando dietro di sé il talento e limitando le opportunità, poiché molte carriere di intelligenza artificiale non richiedono un percorso universitario di quattro anni.

Le comunitàe le scuole tecniche offrono un enorme potenziale per far crescere, sostenere e diversificare la formazione di talenti dell’IA. Sono una parte fondamentale del sistema post-secondario degli Stati Uniti con un corpo studentesco che rappresenta molti segmenti della popolazione.

Tuttavia, queste istituzioni non vengono sfruttate in modo efficace nell’educare e formare i talenti dell’IA. Per comprendere l’attuale panorama dell’IA e dell’istruzione relativa all’IA in queste istituzioni, abbiamo valutato le offerte di programmi attuali e il relativo numero di laureati. Ci siamo concentrati su programmi in cui i diplomi degli associati potrebbero essere una potente fonte per la formazione e il potenziamento dei talenti dell’IA.

La nostra analisi ha rilevato:

Gli istituti tecnici e comunitari hanno rilasciato pochi diplomi e certificati relativi all’IA e all’IA nel 2020, praticamente nessuno nei campi specifici dell’IA.

Due settori tecnici promettenti per diplomi e certificati relativi all’IA, informatica e informatica (CIS) e tecnologie ingegneristiche, hanno visto il conseguimento del titolo costante o in calo nell’ultimo decennio.

Sebbene le comunità e le scuole tecniche attraggano un corpo studentesco altamente diversificato, nel 2020 le donne costituivano solo il 23% dei laureati che hanno conseguito una laurea o una certificazione CIS e il 15% dei laureati che hanno conseguito una laurea o una certificazione in tecnologia ingegneristica.

Nel 2020, meno del 7% dei premi nell’amministrazione e nelle operazioni della gestione aziendale riguardava le sottospecialità più legate allo sviluppo e all’acquisizione di prodotti di intelligenza artificiale.

Esiste un numero piccolo ma crescente di promettenti partnership industriali specifiche per l’istruzione e la formazione sull’IA presso le comunità e gli istituti tecnici.

Questi risultati mostrano che c’è un sostanziale margine di miglioramento. Ciò inizia con la costruzione o la modifica di programmi esistenti nei campi relativi all’IA, ma include anche la creazione di nuovi programmi con certificati progressivi e certificazioni del settore per soddisfare la futura domanda di IA e competenze relative all’IA.

Tuttavia, ci sono ostacoli significativi che devono essere affrontati affinché la comunità e gli istituti tecnici realizzino il loro pieno potenziale nella formazione della forza lavoro AI di domani. Ciò include l’ambiente di finanziamento persistentemente incerto; bassi tassi di completamento; bassa partecipazione femminile e sottorappresentata degli studenti ai programmi tecnici; sfide di reclutamento, sviluppo e mantenimento della facoltà; e un sovraccarico di priorità contrastanti da parte di amministratori di sistema e legislature statali. Il fatto che queste istituzioni spesso servano popolazioni più diversificate rispetto alle tradizionali istituzioni quadriennali, con un’ampia gamma di esigenze degli studenti, aggrava ulteriormente queste barriere.

Per superare queste barriere, sono necessarie priorità federali, statali e di settore per l’istruzione AI e lo sviluppo della forza lavoro. Tale definizione delle priorità deve iniziare dall’alto, con un ufficio dedicato alla Casa Bianca. Deve anche includere un ulteriore sostegno finanziario statale e federale per creare ed elevare l’IA di qualità e la programmazione relativa all’IA. Richiede inoltre incentivi affinché la comunità e gli istituti tecnici collaborino con l’industria per progettare programmi relativi all’IA in cui i datori di lavoro riconoscano le credenziali risultanti e le utilizzino per assumere talenti dell’IA.

Per aiutare la comunità e gli istituti tecnici a realizzare il loro potenziale, proponiamo:

L’Ufficio nazionale per l’iniziativa di intelligenza artificiale all’interno dell’Ufficio per la politica scientifica e tecnologica della Casa Bianca, in coordinamento con l’Ufficio della First Lady, stabilisce una linea strategica di impegno relativa alla comunità e agli istituti tecnici.

Il Congresso istituisce un programma di sovvenzioni federale congiunto del Dipartimento del lavoro e della National Science Foundation per le partnership tra industria e istituzione nell’IA e nei programmi di laurea e non di laurea relativi all’IA, compresi i programmi di doppia iscrizione alle scuole superiori.

Il Congresso emana crediti d’imposta federali per le aziende che formano partnership di settore con comunità e istituti tecnici relativi all’IA e ai programmi relativi all’IA.

Il Congresso finanzia il National Institute of Standards and Technology, o altra entità federale, se del caso, per condurre una collaborazione multi-stakeholder per sviluppare un quadro di ruoli e competenze tecniche e non tecniche di IA, aggiornato regolarmente.

Gli stati degli Stati Uniti facilitano gli accordi di articolazione tra istituzioni pubbliche biennali e quadriennali per il trasferimento e il trasferimento inverso per i programmi relativi all’IA.

La creazione di programmi relativi all’IA come una serie di certificati progressivi, certificati non di laurea che dimostrino un’abilità o una competenza, trasformerà il modo in cui la comunità e gli istituti tecnici preparano la forza lavoro AI di domani. In primo luogo, promuoverà l’apprendimento permanente facilitando l’acquisizione di nuove competenze in qualsiasi momento. In secondo luogo, consentirà agilità nell’offerta di programmi in un panorama di competenze in rapida evoluzione. In terzo luogo, incoraggerà la mescolanza e l’abbinamento  di certificati per la valutazione unica di abilità e competenze che corrisponde agli interessi, alle attitudini e alla commerciabilità del lavoro di un individuo. Ciò fornirebbe opzioni di istruzione e formazione accessibili e convenienti non prontamente disponibili altrove nel nostro sistema educativo. Le istituzioni potrebbero progettare programmi utilizzando pratiche promettenti e lezioni apprese dagli stati che offrono credenziali progressive in altri campi, come in Ohio.

Abbiamo una visione in cui la comunità e gli istituti tecnici diventano una parte fondamentale dell’educazione e della formazione dei talenti dell’IA negli Stati Uniti. Raggiungeranno popolazioni universitarie sottorapresentate e non tradizionali e forniranno nuove vie di accesso e opportunità a un segmento chiave dei lavori ad alto salario di domani. Tuttavia, non possono farlo da soli. Lavorando con partner federali, statali e industriali, riteniamo che sia possibile per le comunità e gli istituti tecnici creare un percorso alternativo davvero praticabile per le carriere nell’IA.

Related posts
JobNewsIntelligenza Artificiale

Call for Papers: Lawtomation Day

1 minuti di lettura
Home » JobNews » Call for Papers: Lawtomation Day IE Law School, Madrid (deadline June 20th, 2022) Una conferenza multidisciplinare volta ad… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)
RicercheIntelligenza Artificiale

La transizione digitale e la nuova dimensione del lavoro

1 minuti di lettura
Home » Ricerche » La transizione digitale e la nuova dimensione del lavoro Lavoro e diritti nella rivoluzione di Internet. AA. VV.,… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)
welfareRicerche

I datori di lavoro promuovono il benessere sul posto di lavoro

1 minuti di lettura
Home » welfare » I datori di lavoro promuovono il benessere sul posto di lavoro Un mondo post-pandemia ha bisogno di nuovi… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)

Rimani informato! Non perdere tutte le news e ricerche, iscriviti alla nostra Newsletter!