TestimonianzaDossier Politiche Attive

Testimonianza: dalla moda alla formazione dei giovani

3 minuti di lettura

Correva il 1975, avevo 21 anni, mi ero appena congedato dal servizio militare. Stavo cercando un’occupazione, mi sarebbe piaciuto nella moda, mi imbattei in un annuncio apparso sul Corriere della Sera: “Krizia cerca giovane Coordinatore planning di produzione”; rispondo, mi fissano un colloquio, l’assunzione fu immediata. È così che inizia un percorso professionale che dura da oltre 45 anni. All’epoca le aziende avevano prevalentemente un’organizzazione interna che si occupava dell’ideazione, della modellistica, della prototipazione, la produzione e la logistica, in sostanza dal foglio bianco al capo pronto da spedire. Esisteva poi una costellazione di laboratori esterni qualificati, tutti italiani, ai quali era affidata parte della produzione. I tessuti erano tutti di provenienza nazionale, le sete e le stampe da Como, i cotoni e i lini dall’Alta Lombardia, le lane da Biella e da Prato. Distretti che servivano non solo l’Italia ma il mondo intero grazie a capacità innovative e qualità. Tutto era a portata di mano, occasione impagabile che permetteva, accompagnata dalla passione, di acquisire una conoscenza completa dei processi della filiera, il Made in Italy.

Il mio obiettivo è sempre stato quello di partecipare alla creazione delle collezioni, il concretizzarsi di un’idea mi regalava un’emozione fantastica, vedere questa idea esposta in un’importante vetrina una carica di vitalità e orgoglio.

Il mio percorso prosegue con entusiasmo grazie alle esperienze attraversate negli anni portandomi ad essere dapprima Product Manager in aziende di successo, Direttore Stile e Prodotto in altre poi, Designer in altre ancora. È stato un percorso ricco di soddisfazioni. Fortuna? Forse! Ma anche una grande passione, impegno e curiosità; l’acquisizione della completa conoscenza dei processi ha fatto il resto.

Durante questo lungo tragitto mi sono reso conto che a causa della sopravvenuta delocalizzazione e globalizzazione si è verificata un’estrema frammentazione delle funzioni e dunque delle competenze, i giovani che oggi entrando nel settore non hanno la possibilità di avere una visione a 360° dei processi della filiera, di  conoscere le molteplici fasi della progettazione e della sua realizzazione, tutto ciò che io ho avuto modo di toccare con mano rappresenta il grande patrimonio del “saper fare italiano” e si è momentaneamente disperso in strade non sempre qualificanti. Dire “la qualità si fa a monte” – come sono convinto si debba fare – significa che già nel momento in cui immagini un prodotto devi valutarne le fasi successive e conoscerne “la catena del valore”, non trascurando la parte analitica che precede l’ideazione, individuando il posizionamento sul mercato e il relativo target di riferimento nel quale si identificheranno gli aspetti culturali, sociali ed economici coerenti con la proposta. Questa carenza spesso rende difficoltoso il dialogo tra le varie funzioni aziendali facendo perdere loro efficienza ed efficacia. Ho pensato fosse arrivato il momento di restituire qualcosa al settore che tanto mi ha appassionato dedicandomi alla formazione dei giovani, trasmettendo loro il patrimonio di conoscenze acquisito.

Il destino ha voluto che incontrassi Simona Lombardi che aveva in mente un progetto analogo, ovvero una accademia di alta formazione per la moda, in grado di trasferire sia i valori materiali sia quelli immateriali del Made in Italy.

Grazie alla Fondazione Antonio Lombardi nasce così Makecampus – Accademia di alta formazione di Moda e Design. Il corso, che è già attivo dal 2019, dura 12 mesi più 6 di tirocinio in aziende del settore, e prevede quattro aree di insegnamento:

Area Culturale, Area Manageriale, Area Progettazione, Area Tecnica.

Il corpo docente, di altissimo livello, è composto da professori provenienti dalle più importanti Università italiane e internazionali e da manager e professionisti del settore.

Oltre a favorire una crescita professionale, Makecampus incide anche su quella personale: durante il corso gli studenti vivono insieme nel campus di Chiusi condividendo in totale immersione un’esperienza di vita colma di confronti e stimoli.

Alla fine del primo corso gli studenti che hanno completato il tirocinio sono stati confermati dalle aziende, accompagnati da feedback estremamente positivi sul loro livello di preparazione, con nostra immensa soddisfazione.

Sono convinto che tutti loro siano attesi da un futuro nel quale le competenze ritroveranno appieno il proprio valore ed enorme considerazione.

Related posts
Statuto dei LavoriDossier Politiche Attive

Lo Statuto dei Lavori (testo integrale). Dal Libro Bianco sul Lavoro (2001)

3 minuti di lettura
Home » Statuto dei Lavori » Lo Statuto dei Lavori (testo integrale). Dal Libro Bianco sul Lavoro (2001) “Il Governo considera necessario… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)
DibattitoDossier Politiche Attive

Domande un po' maleducate per riflettere sulla formazione

2 minuti di lettura
Home » Dibattito » Domande un po’ maleducate per riflettere sulla formazione Condividiamo qualche domanda maleducata sul funzionamento dell’istruzione e formazione professionale… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)
Sistema dualeDossier Politiche AttiveFormazione

La lezione vincente del sistema duale

1 minuti di lettura
Home » Sistema duale » La lezione vincente del sistema duale Negli ultimi tre anni siamo intervenuti su differenti settori per sanare… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)

Rimani informato! Non perdere tutte le news e ricerche, iscriviti alla nostra Newsletter!