Ricerche

L’orario di lavoro nella trasformazione produttiva e antropologica degli anni Venti

1 minuti di lettura

Mentre si affronta, nel nostro Paese come in tutto il pianeta, la tempesta del “Coronavirus”, appare ancora più attuale la riflessione generale sul tema dell’orario di lavoro. È questo il tema del Quaderno della collana “Working Papers On Line” della Fondazione Ezio Tarantelli – Centro Studi ricerca e formazione: “L’orario di lavoro nella trasformazione produttiva e antropologica degli anni Venti”.

Related posts
RicercheJobNews

Politiche del lavoro, Terzo settore, Coesione territoriale: estratto del PNRR

1 minuti di lettura
Home » Ricerche » Politiche del lavoro, Terzo settore, Coesione territoriale: estratto del PNRR Pubblichiamo un estratto del Piano Nazionale di Ripresa… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)
FondazioneJobNewsRicerche

La funzione della contrattazione collettiva nelle catene produttive nazionali: la necessità di un patto di filiera

1 minuti di lettura
Home » Fondazione » La funzione della contrattazione collettiva nelle catene produttive nazionali: la necessità di un patto di filiera La Rivista… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)
RicercheJobNews

INAPP: “Con i robot cresce l'occupazione, +50% nelle attività connesse"

3 minuti di lettura
Home » Ricerche » INAPP: “Con i robot cresce l’occupazione, +50% nelle attività connesse” I risultati dello studio “Stop worrying and love the… Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra)

Rimani informato! Non perdere tutte le news e ricerche, iscriviti alla nostra Newsletter!